Slide

La storia di un ristorante unico al mondo

Il ristorante “Da Meo Patacca”, già noto come Osteria, costituisce da sessant’anni un’icona di Trastevere e un’ istituzione di Roma, essendo nato e cresciuto nella cornice di Piazza dei Mercanti. Le piazze, che nel periodo ottocentesco rappresentano un luogo di ritrovo e socialità, vedono il sorgere di una serie di tradizioni, prima tra tutte quella di imbandire lunghissime tavolate di commensali che si riunivano con le famiglie, assieme ad amici e conoscenti, per desinare e celebrare domeniche e feste comandate.
A trastevere, in particolar modo, questa usanza servì a conservare un’identità popolare e specifica, così come raccontato da celebri autori tra cui Gioacchino Belli, Trilussa ed altri illustri artisti.
Ci si incontrava, si mangiava, si beveva, si cantava… ed è in questa atmosfera che artisti e scrittori trovavano ispirazione stando a contatto con l’ autenticità del popolo.
Grazie agli Chef, ai camerieri e alla nostra orchestra stabile, ci sentiamo orgogliosi di riproporre ancora oggi quella tradizione, fatta di buona cucina e della stessa atmosfera romantica e goliardica.

Meo Patacca, un set cinematografico

Dalla tradizione popolare al teatro, fino al mondo del cinema, il passo a volte diventa breve.
La chiamarono la “Hollywood sul Tevere: durante il periodo della cosiddetta dolce vita, tra gli anni ’50 e ’60, il cinema americano ha concentrato la sua attenzione su Roma, girando numerose pellicole a Cinecittà.
Anche il ristorante “Da Meo Patacca” è stato scelto fin dalla sua apertura -ed è così ancora oggi- da registi famosi come set cinematografico per i loro film, spesso attingendo direttamente tra i suoi dipendenti per la scelta di comparse e attori, come nel caso di Ettore Garofolo, cameriere di fatto del Meo Patacca, che fu protagonista insieme ad Anna Magnani nel film di Ettore Pasolini “Mamma Roma”.

La cucina tradizionale romana

La cucina romanesca è una cucina povera, legata alla tradizione del mattatoio, contraddistinta da una vena forte e sapori decisi.

Siamo fieri di continuare a rappresentare una cucina semplice e genuina, che eseguiamo con precisione e maestria nel rispetto di una tradizione prettamente popolare, come filosofia di un mondo passato del quale i nostri piatti rispecchiano un piccolo e goloso punto fermo.

Le sale di Meo Patacca

Tra le mura di “Da Meo Patacca” tutto riflette la storia ricca e affascinante della città e, soprattutto, narra della storia del popolo romano e delle sue tradizioni più antiche. I camerieri infatti, sono in costume dell’epoca per ricreare l’atmosfera caratteristica e pittoresca di una locanda dei primi dell’Ottocento, e nel mentre i musicisti professionisti eseguono tutte le sere il loro repertorio di canzoni romane, napoletane e romanze d’opera.
Anche le sale del ristorante raccontano di una storia fatta di accoglienza intrisa di arte e di tradizione, ognuna con il loro caratteristico nome: la “Prima Sala”, con vista sulla cucina, in cui amava cenare il divo di Hollywood Charlton Heston, la sala “Gallo Cornuto” con lo storico camino, è sovrastata dal “Palchettone”, che è illuminato dal lucernario d’epoca; poi ancora la sala “Bar” dove troneggia un caratteristico American Bar, il grande “Cantinone”con le sue enormi botti incastonate nei muri e l’antico torchio Ottocentesco, ed infine la sala “Teatro”, che durante il periodo della dolce vita veniva chiamato “Purgatorio”e fu palcoscenico di serate in cui risuonava Jazz d’autore con artisti del calibro di Bill Colemann, i quali si esibivano per il pubblico, tra cui era solito sedere Marcello Mastroianni, assiduo frequentatore.

Orari di apertura

dal Lunedì alla Domenica – 19:00 / 23:00

Chiusura straordinaria

GIOVEDI’

Le novità di Meo

Prenota un tavolo

    Ristorante “Da Meo Patacca” – Piazza dei Mercanti, 30, 00153 Roma RM – 06 5816198 – 06 58331086 info@meopatacca.it